Caratteristiche speciali della valutazione delle microimprese

20.03.2022
Author wevalue AG

Singole aziende, molte domande e alcune risposte

Le micro o piccole imprese sono la forma più comune di PMI in Svizzera: quasi il 90% di tutte le imprese impiegano meno di dieci persone. Quando si valutano aziende di queste dimensioni, le emozioni sono spesso superiori ai budget disponibili. Le trattative sul prezzo sostituiscono rapidamente qualsiasi discussione metodica sulla valutazione dell’azienda.

Tuttavia, la “determinazione del prezzo” piuttosto che la “valutazione” serve solo alle parti se sono d’accordo o devono essere d’accordo, come nel caso di una vendita reale. La situazione è diversa per le cosiddette occasioni di valutazione dominate: In caso di divorzio o di controversie sull’eredità, bisogna trovare un accordo equo anche per le parti che si affrontano con lunghezze diverse. Qui, il legislatore prevede delle specificazioni più o meno precise e, alla fine, un tribunale assicura un equilibrio di interessi.

Tali valutazioni richieste dalla legge implicano quasi sempre la stima di un “valore di mercato”. Secondo la Corte suprema federale, questo è “il valore che potrebbe normalmente essere raggiunto nel corso di una vendita nel corso ordinario degli affari”. Il fattore decisivo è quindi un approccio tecnico o giuridico-oggettivo e non un approccio soggettivo-economico”. Quindi, si deve ipotizzare un’area di accordo, si deve simulare una determinazione del prezzo.

I fiduciari e i consulenti agiscono spesso come arbitri in questo caso e si suppone che stimino un valore mediato tra le due parti (valore di arbitraggio). Questo deve essere fatto in modo imparziale e quindi senza prendere in considerazione le circostanze personali concrete, cioè soggettive. Le supposizioni sono quindi necessarie. Nella teoria della valutazione questo è chiamato anche valutazione oggettivante. Questo è così interessante e stimolante perché qui “si utilizza l’intero […] repertorio della conoscenza scientifica”. Questo a volte porta all’irritazione, soprattutto nel mondo delle PMI che lavorano pragmaticamente: un “tragico caso di amore non corrisposto”. In questo senso, un argomento utile per l’Annuario di Finanza e Contabilità di quest’anno.

Nel seguente articolo affrontiamo le caratteristiche speciali delle micro-imprese e mostriamo come queste possono essere prese in considerazione in una valutazione. Partiamo dall’ideale della stima legalmente richiesta del valore di mercato di una microimpresa gestita come ditta individuale, per esempio in caso di divorzio. In questa situazione, bisogna trovare risposte il più possibile difendibili e a prova di tribunale per tutte le domande. Le semplificazioni e le scorciatoie per i casi di applicazione che si discostano da questo saranno poi trovate dalla pratica di valutazione per conto proprio.

Metodologicamente, assumiamo la migliore pratica, cioè una valutazione con un metodo DCF. Naturalmente, questo non esclude altri metodi – il metodo del praticante o i multipli. Tuttavia, siamo convinti che una valutazione trasparente e quindi anche comunicabile si ottiene meglio con un metodo DCF. Se si utilizzano altri metodi, deve comunque essere possibile rispondere alle domande che abbiamo posto.

Leggi un estratto dall’Annuario di Finanza e Contabilità 2022 qui (in tedesco). Puoi acquistare l’articolo completo al seguente link.

<< indietro
avanti >>
wevalue – la soluzione per
FiduciariConsulentiImprenditoriInvestitori
Prova ora